Bei tempi questi...
Bei tempi questi...

Sarebbe così facile rimanere a casa, a godersi tutti quei soldi guadagnati, fumandosi il sigaro e osservando pigramente come crescono i propri figli.
Ma lui non è fatto così, non può stare fermo, e se il suo team, che di certo non si può definire “ex”, lo chiama perché rimasto orfano del folletto, suo discepolo, di San Paolo, lui riprende ad allenarsi.
E chissenefrega degli ‘anta, della bottarella presa in febbraio cadendo in moto, della monoposto totalmente diversa che lo aspetta, delle zero possibilità di test e del momento difficile della scuderia con cui ha scritto la storia, c’è una nuova sfida e lui ci va a nozze.
E tornino pure i suoi detrattori a sparlare, quelli che lo hanno sempre dipinto come antipatico e spocchioso, accusandolo magari anche di scorrettezze, chisenefrega anche di loro.
Di mondiali ne ha persi per strada, ma ne ha vinti 7, e alzi la mano chi sa fare meglio. Zitti tutti quindi, rispetto, il Kaiser sta tornando.