Un bel giorno, il regista Michael Bay, bistrattato dalla critica ma idolatrato ai botteghini, era in visita presso gli stabilimenti della General Motors in cerca di fonti d’ispirazione per il secondo capitolo cinematografico dei Transformers, Revenge of the fallen.
Passando per lo studio di design, il suo sguardo si posò su una concept Corvette che riprendeva il doppio lunotto posteriore di una vecchia gloria, la Stingray del 1963, combinandolo con le linee della Stingray Racer del 1959.

Linee di 50 anni fà riadattate per la fantascienza
Linee di 50 anni fa riadattate per la fantascienza

Questa non fu la sola vettura che Bay decise di prelevare dalla GM: sul grande schermo potremo vedere una Chevrolet Volt (che arriverà in Europa come Opel Ampera), una Chevy Beat (prossima Spark) e una Chevy Trax. Oltre, ovviamente, all’immancabile camion full-size Peterbit 379, al pick-up GMC Topkick, all’Hummer ambulanza e alla Chevrolet Camaro protagonista del primo capitolo che, per l’occasione, ottiene un piccolo restyling.
Eccovi un bel video di gruppo.

Ma torniamo alla Stingray Concept: questa, nella pellicola, interpreterà il ruolo di Sideswipe, un Autobot (e quindi dei buoni) con le ruote ai piedi e movenze da autentico pattinatore.
Per questa vettura, nella realtà, non è però prevista la produzione, ma questo era stato dichiarato anche per la Camaro, che invece debutterà sul mercato il prossimo mese…
Eccovi un video che spiega com’è nata l’estetica di questo splendore.

Parlando più in generale, invece, del film, un cambiamento, vociferato ma non confermato, sarà che Barricade, ovverosia la Mustang della Polizia del primo film, nel secondo sarà probabilmente “interpretato” da un’Audi R8.
Il cast “umano” è confermato con lode, mentre nel film, in totale, troveranno spazio circa una quarantina di robot.
Dopo tanto parlare, qui di seguito trovate il trailer del film.

Avevamo già avuto occasione di notare quanto la GM utilizzi questo film come vetrina per la propria gamma rinnovata, ed eccovi un’altro esempio dell’utilizzo pubblicitario della pellicola: l’allestimento a tema dello stand Chevrolet al salone di Chicago, di cui qui trovate numerose foto.