La Ferrari non perde tempo e scopre, per prima, le carte che ha in serbo per il prossimo campionato del mondo di Formula 1.
Crash test superati, molte scocche omologate, motore già pronto a girare ai 18.000 giri massimi permessi dal regolamento e KERS già funzionante anche se non ancora testato a fondo: così il Cavallino si è mostrato al Mugello per la presentazione di ieri della F60.

Le proporzioni ricordano ben altre cadegorie, lo dice anche Felipe!
Le proporzioni ricordano ben altre cadegorie, lo dice anche Felipe!

Le forme lasciano abbastanza perplessi: alla ricerca di sorpassi, il regolamento impone alettone anteriore molto più largo e quello posteriore stretto e alto, per risentire meno dell’effetto scia dell’auto che precede e permettere quindi alle vetture di avvicinarsi.
L’elemento principale dell’ala sotto il muso è uguale per tutti i team, mentre cambiano le dimensioni delle pance e sono vietate le miriadi di appendici davanti ad esse viste nelle ultime stagioni (ma la Ferrari ha “interpretato” questo punto conferendo funzioni aerodinamiche ai supporti degli specchietti).


Per salvare le immagini cliccare qui.

I piloti avranno a disposizione un totale di 8 motori per i 17 GP e potranno ricorrere ad alcuni “superpoteri” come la regolazione dei flap direttamente dal volante fino a un angolo di 6 gradi e la spinta aggiuntiva del KERS.
Questo sistema, ormai noto a tutti, permette di immagazzinare l’energia in frenata e di riutilizzarla sotto forma di over-boost. Sviluppato assieme alla Magneti Marelli, porta però in dote ben 30 kg di peso che, su una monoposto del peso totale di 605 kg con pilota e liquidi, non sono bazzecole.
Forse per questo, a Maranello, hanno pensato di utilizzare alcuni accorgimenti come la particolare verniciatura che, anche se diversa dal rosso tradizionale, permette di risparmiare addirittura un chilogrammo.
Qui di seguito vi propongo il primo giro in pista effettuato da Felipe Massa.
Suggestiva la ripresa dal casco che permette di notare, particolare curioso, come, anche con pista riservata al suo test, il pilota controlli lo specchietto di sinistra prima di uscire dalla corsia box.