Personalmente immagino gli ingegneri Nissan al lavoro con, stampato sul viso, un perenne sorrisetto beffardo, mentre si sussurrano l’un l’altro “Pensa alla faccia di quelli della Porsche quando vedranno…” questa e quest’altra novità, e intanto continuano a giocare con quei poveri tedeschi allo schiaffo del soldato.
Parliamoci chiaro, le attese per la SpecV erano ben più alte, ma ogni piccolo passo della GT-R fa montare i malumori a Stoccarda.

I giapponesi sperano che le Porsche possano guardarne solo il posteriore!
Quei nippo sperano che le Porsche possano guardarne solo il posteriore!

Così eccoci di fronte all’attesa versione dimagrita della coupé giapponese, che minaccia di migliorare il tempo sul giro al Nürburgring cancellando le perplessità sulla prima versione dell’allestimento “ordinario”.
Eh già, quella certa fragilità della trasmissione che, pur costando quasi 15.000 €, va in pappa se si abusa del launch control, è stata risolta eliminando quest’ultimo.
Il tempo per lo 0-100 rimane comunque di tutto rispetto, pari a 3,9 secondi (3,5 era il tempo ufficiale inizialmente divulgato, anche se qualche rivista sostiene che i propri tester sono riusciti a svolgere il compito in 3,2), ma di questo rimedio forse è meglio non vantarsi.

La cura dimagrante consiste nell’eliminazione dei sedili posteriori, nella sostituzione di quelli anteriori con una coppia con guscio in carbonio, nell’utilizzo di questo nobile materiale per alettone e appendici aerodinamiche, nei cerchi dedicati NISMO e nell’utilizzo di un sistema di sospensioni alleggerito.
Qualcuno si aspettava in carbonio anche il cofano motore e magari la presenza di una gabbia roll-bar, ma non è escluso che siano disponibili come optional.


Per salvare le immagini cliccare qui.

E quel birbante di un “vusei”? Beh, rimappa e aumento della pressione delle due turbine sono d’obbligo, ma ovunque sulla rete si parla d’incremento di coppia ma non di cavalli, e a questo punto sembrano lontani i 40 se non 100 puledri in più che alcune voci sussurravano.
Delusi del mancato aumento di potenza? Beh, se quel tale che rispondeva al nome di Colin Chapman, che un pirla proprio non era, sosteneva che con tanti cavalli si va veloci sul dritto ma con pochi chili si va veloci ovunque, consolatevi, perché per la Porsche il colpo è ugualmente peggiore!
Ora non resta che aspettare che il Nürburgring scongeli…