Questa storia rischia di diventare noiosa, ma è stata dura trattenermi dopo aver letto il comunicato stampa della Nissan (che trovate a questo link).

Per correre ci vogliono le scarpe giuste!
Per correre ci vogliono le scarpe giuste!

Oltre a ribadire nuovamente la veridicità del risultato, ottenuto con vettura rispondente alle normative per la commercializzazione in Giappone e gomme standard, il costruttore ha aggiunto che bisogna tenere conto anche della zavorra di circa 50 kg costituita dalla strumentazione tecnica Marelli Data Recorder e dell’attrezzatura per le riprese video.
Le misurazioni, poi, sono state eseguite secondo le procedure standard della rivista tedesca Sport Auto Magazine, permettendo quindi la comparazione con altri veicoli attorno al ‘Ring.

Ma ora viene il bello: la casa nipponica dichiara di essere perfettamente a conoscenza del fatto che altri costruttori hanno acquistato delle GT-R per studiarle, e si raccomanda quindi con loro di seguire scrupolosamente le procedure dei manuali e le scadenze per i controlli, per ottenere le massime prestazioni dalla vettura girando in sicurezza.
Se comunque questo non fosse sufficiente, la Nissan offre ai clienti e ai suoi concorrenti corsi di “performance driving”, per consentire loro di comprendere al meglio le capacità della vettura.
Per chiudere il comunicato, Kazutoshi Mizuno, capo ingegnere del progetto GT-R, dichiara che per l’azienda era molto più importante testare l’auto con specifiche di normale commercio che creare un esemplare unico che nessun cliente avrebbe potuto avere.
La Nissan si è poi resa disponibile a ulteriori sessioni al Nürburgring alla presenza dei media, non appena il meteo della zona lo permetterà.
Nel frattempo, però, non crediate che questi giapponesi dormano sugli allori, anzi… A quanto pare di carne al fuoco ne hanno parecchia: fingendo di non essere venuti a conoscenza che la Nissan non garantisce la trasmissione della GT-R se si utilizza eccessivamente la procedura di Launch Control senza controllo di trazione (punto debole meccanico ma soprattutto di marketing), ci sono voci di corridoio che parlando di nuovi modelli sportivi, quali la Micra Turbo (vabbè…), una coupé economica battezzata FR (avversaria della Hyundai Genesis Coupé) e la tanto attesa 370Z.

Vanno di moda i debutti nei videogame: la 370Z sarà in "Need for Speed: Undercover"
Vanno di moda i debutti nei videogame: la 370Z sarà in "Need for Speed: Undercover"

La linea non proporrà nulla di trascendentale, essendo soltanto una profonda rivisitazione dell’apprezzatissima 350Z, ma offrirà invece materiali migliori per gli interni e un ottimo V6 sotto il cofano.
La potremmo ammirare nella sua veste definitiva il 29 ottobre, quando le foto ufficiali saranno diramate; nel frattempo Mizuno si porta avanti col lavoro, dichiarando: “Il nostro V6 sarà superiore al 6 cilindri della Cayman.“. Ecco, si ricomincia…