La fine della produzione della Veyron, prevista a 300 esemplari, è vicina. È stata infatti toccata quota 230 pezzi, uno dei quali ordinato in Cina dopo circa due ore dall’apertura del concessionario di Pechino.
Contrariamente a quanto l’esiguo numero faccia pensare, sono numerose le serie limitate, l’ultima delle quali è la Sang Noir. Questa si distingue per la totale verniciatura nera che comprende anche le prese d’aria del 16 cilindri quadri-compressore che la equipaggia. Inoltre, l’utilizzo della fibra di carbonio ha avuto un incremento sia all’esterno sia all’interno.

San Noir: se mai la incrocerete, si riconosce da questo particolare.
Sang Noir: se mai la incrocerete, si riconosce dalle prese d'aria nere.

La quantità totale di questa versione ammonterà a 15 esemplari e sarà presentata in anteprima negli Stati Uniti, rimasti a bocca asciutta per la Pur Sang. I 5 esemplari di quest’ultima, infatti, sono stati ordinati il giorno stesso della presentazione, ancora prima che i ricconi d’oltre oceano potessero vederla, d’obbligo quindi la precedenza per la sorella dark.


Per salvare le immagini cliccare qui.

Altra primizia che debutterà tra pochi giorni sarà la Grand Sport Roadster. L’occasione sarà il 16 agosto al Pebble Beach Lodge, in California, per svelare al mondo la tanto attesa versione Targa della Veyron che, con un innovativo tettuccio asportabile, non sacrificherà la rigidità torsionale del telaio. Il primo esemplare sarà venduto proprio in quella sede, con un’asta per pochi facoltosi fortunati, in attesa del resto della produzione di cui non si conoscono ancora i dati tecnici.


Per salvare le immagini cliccare qui.

Oltre a tutte queste declinazioni, però, nonostante la vicina fine della produzione, non c’è ancora traccia di altri modelli per il marchio franco-tedesco, né della mirabolante super-berlina di cui si parlava tempo fa, né di un modello sostitutivo per la Veyron.
A tal proposito esistono solo le dichiarazioni di CEO della Bugatti, Franz-Josef Paefgen, che promette l’arrivo della nuova “astronave” tra il 2011 e il 2012.
Egli ha dichiarato, inoltre, che il ritorno in positivo dei conti per l’azienda è previsto per il 2010 e che questo fatto porterà anche al debutto del marchio nelle competizioni, con vetture che, in ogni caso, non saranno derivate dalla Veyron.